APPENDICE B - REGOLE DI COMPETIZIONE PER TAVOLE A VELA

Le competizioni per le tavole a vela vanno disputate a norma del Regolamento di Regata della Vela, con le modifiche della presente appendice. Il termine “barca” riportato altrove nelle regole di regata, significa “tavola a vela” oppure “barca” come più adatto. Una manifestazione di tavole può includere una o più delle le seguenti discipline o loro specialità:

Discipline Formati
Regata Regata su percorso; slalom; maratona
Competizione artistica (expression) Performance sull’onda; freestyle
Competizione di velocità (speed)  

Nella competizione artistica la performance di una tavola è giudicata in base all’abilità ed alla varietà più che sulla velocità ed è organizzata utilizzando serie di eliminazione. Sia la competizione di performance sull’onda che di freestyle viene organizzata a seconda delle condizioni delle onde nella località. Nelle competizioni di velocità (“speed”) un “round” (turno) è costituito da uno o più “run” (prove) nei quali le tavole percorrono il percorso ad intervalli. Nelle regate su percorso, la maratona deve essere programmata per durare più di un’ora.

Nelle specialità dello slalom e nelle competizioni artistiche, “heat” (batteria) significa una competizione ad eliminazione; un “round” (turno) comprende una o più batterie, ed una serie di eliminazione comprende un massimo di 4 turni.
La FIV precisa:
per “course racing” si intende una regata su percorso definito da boe e comprendente lati di bolina.
Per “expression” si intende una competizione basata su “evoluzioni” artistiche

B1 DEFINIZIONI

B1.1 Sono in vigore le seguenti definizioni:

Partenza dalla spiaggia: la partenza è una partenza dalla spiaggia quando la linea di partenza è sulla spiaggia o cosi in prossimità della stessa che i concorrenti devono stare in piedi in acqua per partire.

Rovesciamento: una tavola è rovesciata quando la sua vela o il concorrente è in acqua.

B1.2 Le seguenti definizioni si applicano solo alle regate artistiche:

Entrando e Uscendo: una tavola che naviga nella stessa direzione delle onde, sta entrando. Una tavola che naviga in
direzione opposta alle direzione delle onde sta uscendo.

Saltare: una tavola salta quando si stacca dalla cresta dell’onda mentre sta uscendo.

Sorpassare: una tavola sta sorpassando dal momento in cui essa si ingaggia da libera dalla poppa fino al momento in cui è libera dalla prua della tavola sorpassata.

Possesso: la prima tavola che naviga verso la spiaggia immediatamente di fronte ad un’onda, ha il possesso di quell’onda. Quando, comunque, non è possibile determinare quale tavola sia la prima, la tavola sopravvento ha il possesso.

Raddrizzamento: una tavola si sta raddrizzando dal momento in cui la sua vela, o, se parte dall’acqua, il concorrente, è fuori dall’acqua, fino a quando ha abbrivio per governare.

Fare surf (surfing): una tavola sta facendo surf quando naviga sopra o immediatamente di fronte ad un’onda, mentre sta entrando.

Transizione: una tavola che cambia mura, o salta mentre sta entrando, o una che non sta facendo surf, saltando, raddrizzando o è rovesciata, sta eseguendo una transizione.

B2 REGOLE PER TUTTE LE DISCIPLINE

B2.1 Modifiche alle regole della Parte 4
(a) La regola 42 è così modificata: “Una tavola deve essere spinta solamente dall’azione del vento sulla vela, dall’azione dell’acqua sullo scafo e dalle azioni del concorrente che non siano assistite”.

La FIV precisa: una tavola è “assistita” quando utilizza qualunque tipo di aiuto esterno diverso da quelli sopra consentiti, provenienti da qualunque soggetto estraneo o da qualunque mezzo, compresi quelli meccanici.

(b) Aggiungere alla regola 43.1(a): “in ogni caso, un concorrente può indossare un contenitore porta bevande che deve avere una capacità di almeno un litro ed un peso non superiore a kg. 1,5 quando è pieno”.

(c) La regola 44.2 è modificata nel senso che due giri sono sostituiti da un 360° senza l’obbligo di virate o abbattute.

(d) Le regole 44.3 e 44.4(a) sono cancellate.

(e) Aggiungere alla regola 47.1: “eccetto quanto stabilito dalla regola 41.2”. (Vedere la regola B4.4)”. La regola 47.2 è cancellata.

B2.2 Iscrizione e Qualificazione
Aggiungere alla regola 78.1: “ Quando lo prescrive l’ISAF, un’etichetta numerata e datata sulla tavola, sulla sua deriva, sulla pinna e sull’attrezzatura deve valere quale suo certificato di stazza”.

B2.3 Organizzazione dell’Evento
(a) L’ultima frase della regola 89.2(c) è cancellata.

(b) Aggiungere la nuova regola 89.2(d): “ Istruzioni orali possono essere date solo se la procedura è stabilita nelle istruzioni di regata”.

B2.4 Identificazione sulle Vele
(a) Aggiungere alla regola G1.1(a): “ I simboli non devono riferirsi ad altro che non sia il fabbricante o la classe e non devono consistere in più di due lettere e tre numeri o un disegno astratto”.

(b) Le regole G1.3(a), G1.3(c), G1.3(d) e G1.3(e) sono così modificate:
“I simboli di classe devono essere esposti una sola volta su ogni lato della vela, nella zona soprastante ad una linea proiettata ad angoli retti da un punto della caduta prodiera sito ad un terzo della distanza che va dalla penna al boma. Le lettere nazionali ed i numeri velici devono stare nel terzo centrale di quella parte
della vela che sovrasta il boma, chiaramente separati da ogni pubblicità e collocati a differenti altezze sui due lati della vela, quelli sulla parte di dritta più in alto”

B3 REGOLE PER REGATE SU PERCORSO

B3.1 Quando due tavole si incontrano
(a) La regola 13 diventa 13.1. Aggiungere la nuova regola 13.2:
“una tavola che abbatte deve tenersi discosta dalle altre tavole. Durante tale manovra le regole 10, 11 e 12 non vengono applicate. Se due tavole sono soggette a questa regola nello stesso momento, la tavola che si trova sul lato di sinistra dell’altra o quella a poppa dell’altra deve tenersi discosta”.

(b) Le regole 17, 18.2(b), 18.2(c) e 18.3 sono cancellate.

(c) La regola 21 diventa 21.1. Aggiungere la nuova regola 21.2: “una tavola rovesciata non deve intraprendere alcuna azione che ostacoli un’altra tavola”.

(d) Aggiungere la nuova regola 22.3: “una tavola non deve navigare nell’area di regata, così come definita nelle istruzioni di regata, durante lo svolgimento delle regate, eccetto che nella propria regata”.

(e) Aggiungere la nuova regola 23:
23. NAVIGARE FUORI DALL’ACQUA IN PARTENZA
“Quando una tavola si avvicina alla linea di partenza per partire, deve avere la propria vela fuori dall’acqua ed in posizione normale, eccetto quando accidentalmente rovesciata.”.

B3.2 Partenza delle regate
Le istruzioni di regata devono prevedere una di queste procedure di partenza:
(a) SISTEMA 1
Vedi la regola 26, Partenza delle regate.
(b) SISTEMA 2
Le regate partiranno usando i seguenti segnali. I tempi devono essere presi dai segnali visivi; non si
deve tener conto della mancanza di un segnale acustico.

Segnale

Bandiera e segnale sonoro di partenza

Minuti prima del
Segnale di partenza

Richiamo

Bandiera di classe o numero della batteria

5

 

Ammainata del segnale di richiamo

4

Avviso

Bandiera rossa – 1 segnale acustico

3

 

Ammainata della bandiera rossa

2

Preparatorio

Bandiera gialla – 1 segnale acustico

1

 

Ammainata della bandiera gialla

1/2

Partenza

Bandiera verde – 1 segnale acustico

0

(c) SISTEMA 3 (PER PARTENZE DALLA SPIAGGIA)
(1) Prima della sua partenza ogni tavola di una batteria o classe deve estrarre un numero per la propria posizione sulla linea di partenza. Le postazioni devono essere numerate in modo che la postazione 1 sia la più al vento.

(2) Dopo che le tavole sono state chiamate per prendere le loro posizioni, il comitato di regata deve dare il segnale preparatorio issando una bandiera rossa accompagnata da un segnale acustico. Il segnale di partenza deve essere dato, in qualsiasi momento dopo il segnale preparatorio, ammainando la bandiera rossa con un segnale acustico.

(3) Dopo il segnale di partenza ogni tavola deve seguire la rotta più breve dalla sua postazione di partenza alla sua posizione di windsurfing in acqua (con entrambi i piedi dei concorrenti sulla tavola).

B3.3 Altre regole per la Conduzione di una Regata

a) Aggiungere la regola 29.3:

29.3 Richiami per regate slalom
(a) Se al segnale di partenza di una tavola per una regata slalom o per una batteria, una qualsiasi parte del suo scafo, equipaggio o attrezzatura si trovi sul lato del percorso, il comitato di regata segnalerà un richiamo generale.

(b) Se il comitato di regata applica la regola 29.3(a) e la tavola viene identificata, questa deve essere squalificata senza udienza, anche se la regata o la batteria viene posticipata o annullata. Il comitato di regata deve avvisarla a voce o esporre il suo numero velico, ed essa deve abbandonare l’area di regata immediatamente. Se la regata o la batteria viene fatta ripartire o viene ripetuta, la tavola squalificata non potrà prendervi parte.

b) La regola 31 viene modificata come segue: “una tavola può toccare una boa ma non deve trattenervisi.”

B.4 REGOLAMENTO PER COMPETIZIONI ARTISTICHE
B4.1 Regole del diritto di rotta
Queste regole sostituiscono tutte le regole della Parte 2.

(a) ENTRANDO E USCENDO
Una tavola che sta entrando deve tenersi discosta da una tavola che sta uscendo. Quando due tavole stanno uscendo ed entrando nello stesso momento e sulla medesima onda o quando nessuna sta uscendo o entrando, la tavola con le mure a sinistra deve tenersi discosta dalla tavola con le mure a dritta.

(b) TAVOLE SULLA MEDESIMA ONDA, ENTRANTI
Quando due o più tavole sono su un'onda entranti, una tavola che non ne ha il possesso deve tenersi discosta.

(c) LIBERA DALLA POPPA, LIBERA DALLA PRUA, SORPASSO
Una tavola libera dalla poppa e non su un'onda deve tenersi discosta da una tavola libera dalla prua. Una tavola che sta sorpassando e che non è su un'onda deve tenersi discosta.

(d) TRANSIZIONE
Una tavola in transizione deve tenersi discosta da una tavola che non lo stia facendo. Quando due tavole sono in transizione nel medesimo momento, quella sul lato a sinistra dell'altra o quella libera dalla poppa deve tenersi discosta.

B4.2 Inizio e conclusione delle batterie
Le batterie devono iniziare e finire utilizzando i seguenti segnali:

(a) PARTENZA DI UNA BATTERIA
Ogni bandiera deve essere ammainata, quando viene issata la bandiera successiva

Segnale

Bandiera e segnale acustico

Minuti prima del
segnale di partenza

Richiamo

Numero della batteria

3

Avviso

Bandiera rossa: 1 segnale acustico

2

Preparatorio

Bandiera gialla: 1 segnale acustico

1

Partenza

Bandiera verde: 1 segnale acustico

0

(b) CONCLUSIONE DI UNA BATTERIA

Segnale

Bandiera e segnale acustico

Minuti prima del
Segnale di conclusione

Avviso di conclusione

Bandiera verde ammainata ; 1 segnale acustico

1

Conclusione

Bandiera rossa: 1 segnale acustico

0

B4.3 Registrazione delle vele; Area di regata; Durata delle batterie

(a) Le tavole devono registrare al comitato di regata i colori e gli altri particolari della propria vela, o la loro identificazione, che sia consona ad altro metodo stabilito nelle istruzioni di regata, non oltre il segnale di partenza della batteria che precede di due quella propria.

(b) Il campo di regata deve essere descritto nelle istruzioni di regata e affisso al tabellone ufficiale dei comunicati non più tardi di 30 minuti prima de segnale di partenza della prima batteria. A una tavola devono essere assegnati punti solamente mentre naviga nell’area di regata.

(c) Qualsiasi modifica alla durata delle batterie deve essere annunciata dal comitato di regata non più tardi di quindici minuti prima del segnale di partenza per la prima batteria del turno successivo.

B4.4 Aiuto da Parte di Terzi
La regola 41 diventa regola 41.1. Si aggiunge la nuova regola 41.2:

Un collaboratore può provvedere alla sostituzione dell'attrezzatura di una tavola ma deve tenersi discosto dalle altre tavole in competizione. Una tavola il cui collaboratore non si tenga discosto deve essere penalizzata. La penalità deve essere a discrezione del comitato per le proteste.

B5 SERIE PER L’ELIMINAZIONE PER REGATE DI SLALOM E PER COMPETIZIONI ARTISTICHE
Le regole B5.1 - B5.5 si applicano alle regate di slalom e alle competizioni artistiche organizzate utilizzando serie di eliminazione nelle quali le tavole gareggiano in batterie.

B5.1 Procedura per Serie di Eliminazione
(a) La competizione deve essere basata su una o più serie di eliminazione. Ognuna delle quali deve consistere o in un massimo di quattro turni in una singola serie di eliminazione nella quale avanza solo un certo numero di migliori punteggi, oppure in un massimo di dieci turni in una doppia serie di eliminazioni dove le tavole hanno più di una possibilità di avanzare.

(b) Le tavole devono gareggiare l'una contro l'altra a coppie oppure in gruppi determinati dalla scala di eliminazione. Il formato di competizione selezionato non deve essere modificato finché un turno non sia completato.

La FIV precisa: le serie di eliminazione saranno costituite dalle liste dei concorrenti esposte su appositi tabelloni predisposti dal comitato di regata.


B5.2 Selezione e Ranking List
(a) Quando si utilizza una selezione o una ranking list per stabilire le batterie del primo turno, i posti da 1 a 8 (quattro batterie) oppure da 1 a 16 (otto batterie) devono essere distribuiti equamente nelle batterie.

(b) Per le successive serie di eliminazione, se esistono, le tavole devono essere riassegnate a nuove batterie sulla scorta di una lista di selezione basata sulla corrente posizione di classifica completa.

(c) Le decisioni dell'autorità organizzatrice riguardo la selezione sono inappellabili e non sono motivo per una richiesta di riparazione.

B5.3 Programma delle batterie
Il programma delle batterie deve essere affisso al tabellone ufficiale dei comunicati non più tardi di 30 minuti prima del segnale di partenza della prima batteria.

B5.4 Avanzamento e Teste di Serie
(a) Nelle regate di slalom e nelle competizioni di freestyle, in ogni batteria le tavole da promuovere al prossimo turno devono essere annunciate dal comitato di regata non più tardi di 30 minuti prima del segnale di partenza della prima batteria. Il numero dei promossi può essere modificato dal comitato delle proteste a seguito di una decisione di riparazione.

(b) Nelle competizioni artistiche, le teste di serie del primo turno devono essere assegnate alle tavole con i più alti punteggi di selezione.

(c) Nelle regate di performance sull’onda, solo il vincitore di ogni batteria deve essere promosso al turno successivo.

(d) Nelle regate di freestyle le tavole devono essere promosse al turno successivo secondo lo schema seguente: in una batteria con otto tavole, sono promosse le quattro migliori, e il vincitore gareggerà contro il quarto e il secondo contro il terzo; in una batteria con quattro tavole sono promossi i due migliori, e gareggeranno l'uno contro l'altro.

B5.5 Finali
(a) La finale deve essere disputata su un massimo di tre prove. Il comitato di regata deve rendere noto il numero delle prove da disputare nella finale non più tardi di cinque minuti prima del segnale di avviso della prima prova di finale.

(b) Una finale di consolazione può essere disputata dopo la finale. Possono prendervi parte tutte le tavole semifinaliste che non sono riuscite a qualificarsi per la finale.

B6 REGOLAMENTO PER LE COMPETIZIONI DI VELOCITA’ (SPEED)
B6.1 Regole generali
Tutte le regole della Parte 2 sono sostituite dalle parti attinenti di questo regolamento.

(a) PARTENZA DALL'ACQUA E DALLA SPIAGGIA
Una tavola non deve partire dalla spiaggia o partire in acqua lungo il percorso o nell'area di partenza, eccetto che per allontanarsi dal percorso per evitare tavole che stanno partendo o sono in regata.

(b) LASCIARE IL CAMPO DI REGATA
Una tavola che abbandona il campo di regata deve tenersi discosta dalle tavole in regata.

(c) CONTROLLO DEL PERCORSO
Quando il comitato di regata punta con una bandiera arancione a una tavola, la tavola deve immediatamente lasciare il campo di regata.

(d) RITORNO VERSO L'AREA DI PARTENZA
Una tavola che sta ritornando verso l'area di partenza deve tenersi discosta dal percorso.

(e) PROVE; TURNI
Il numero massimo di “run” (prove) che ogni tavola deve compiere in un turno deve essere reso noto dal comitato di regata non più tardi di 30 minuti prima del segnale di partenza del primo turno.

(f) DURATA DI UN TURNO
La durata di un turno deve essere resa nota dal comitato di regata non più tardi di 30 minuti prima del segnale di partenza del turno successivo.

(g) CONDIZIONI PER STABILIRE UN PRIMATO
La distanza minima per un primato mondiale è di 500 metri. Si possono stabilire altri primati su distanze più brevi. Il percorso deve essere determinato con paletti e rilevatori di passaggi a terra oppure con boe in acqua. I rilevatori di passaggi non devono convergere.

B6.2 Procedure di partenza per una competizione di velocità
I turni di gara devono partire e terminare utilizzando i segnali seguenti. Ogni bandiera deve essere ammainata
quando viene issata la successiva.

(a) PARTENZA DI UN TURNO

Segnale

Bandiera

Significato

Attesa

Bandiera rossa

Percorso chiuso

Percorso chiuso

Intelligenza + Bandiera rossa

Percorso chiuso; verrà aperto tra poco

Preparatorio

Bandiera gialla

Il percorso verrà aperto entro 5 minuti

Partenza

Bandiera verde

Il percorso è aperto

(b) TERMINE DI UN TURNO

Segnale

Bandiera

Significato

Avviso del termine

bandiera verde e gialla

Il percorso verrà chiuso entro 5 minuti

Prolungamento

bandiera verde e L

Il turno in corso è prolungato di 15 minuti

Conclusione del Turno

bandiera rossa e L

Un nuovo turno partirà tra poco

B6.3 Penalizzazioni

(a) Se una tavola non adempie a un avvertimento del comitato di regata, essa può essere ammonita e il suo numero velico deve venire affisso sul tabellone ufficiale dei comunicati nei pressi della linea di arrivo.

(b) Se una tavola è ammonita per la seconda volta durante il medesimo turno, il comitato di regata deve sospenderla per il tempo rimanente del turno e il suo numero deve venire affisso sul tabellone ufficiale dei comunicati.

(c) Una tavola che viene vista sul campo di regata mentre è sospesa deve essere squalificata dalla competizione senza udienza e nessuno dei tempi o risultati precedenti deve essere ritenuto valido.

(d) Ogni violazione delle regole di controllo può causare una sospensione dalla competizione per un determinato tempo.


B6.4 Controlli

(a) In occasione di tentativi di primato mondiale, un delegato nominato dal World Sailing Speed Record Council (WSSRC) deve essere presente e verificare i tempi della corsa e le velocità. In occasione di altri tentativi di primato, il comitato di regata deve verificare i tempi della corsa e le velocità raggiunte.

(b) Un concorrente non deve entrare nell'area del cronometraggio o discutere direttamente con i cronometristi su qualsiasi argomento concernente i tempi. Ogni domanda concernente i tempi deve essere rivolta al comitato di regata.

B7 PROTESTE, RIPARAZIONI, UDIENZE E APPELLI

B7.1
(a) Aggiungere dopo il terzo comma della regola 61.1(a): “Essa deve informare il comitato di regata della sua intenzione di protestare immediatamente dopo il suo arrivo o ritiro.”

(b) la regola 61.2 è rinominata regola 61.2(a), Regate su Percorso e Maratona. Aggiungere la nuova regola 61.2(b):

REGATE SLALOM E ALTRE DISCIPLINE
Una protesta deve essere fatta oralmente immediatamente dopo la batteria nella quale si è verificato l’incidente.

B7.2 Aggiungere nuova regola 62.1(e):” una tavola che ha mancato di tenersi discosta o si è ritirata o è stata
penalizzata”.

B7.3 Nella regola 62.2 dopo “per iscritto” aggiungere: “eccetto in una serie eliminatoria.”

B7.4 La Regola 63.2 diventa 63.2(a). Aggiungere la nuova regola 63.2(b): “ In una serie eliminatoria, il comitato per le proteste può discutere una protesta sulla spiaggia o in acqua immediatamente dopo la batteria.”

B7.5 Iniziare la regola 65.2 con l’aggiunta:” Eccetto in una serie eliminatoria”.

B7.6 La regola 67 è stata cancellata.

B7.7 Aggiungere la nuova regola 70.6:” Gli appelli non sono consentiti nelle regate di slalom e nelle regate artistiche”.

B8 PUNTEGGI

B8.1 Punteggio assoluto
Se un evento include più di una disciplina o formato, le istruzioni di regata devono indicare come verrà calcolato
il punteggio assoluto.

B8.2 Punteggio di una serie
La regola A2 è cambiata in:
il punteggio della serie di ogni tavola deve essere il totale dei punteggi delle sue regate, serie di eliminatorie oppure turni di speed (velocità) escludendo i suoi punteggi peggiori nel seguente modo:

Regate di percorso, Turni di speed

Serie eliminatorie di regate slalom e artistiche

Scarti

13

12

0

46

34

1

710

57

2

1115

8 o più

3

16 o più

 

4

Se una tavola ha due o più punteggi peggiori eguali, deve(ono) essere escluso(i) il(i) punteggio(i) della(e) regata(e) corsa(e) per prima. La tavola col punteggio della serie più basso vince e le altre devono essere classificate di conseguenza. Le regole B8.5, B8.6 e B8.7 contengono le eccezioni a questa regola.

B8.3 Sistema di punteggio
(a) La regola A4 è rinominata “Punteggio Minimo e Sistema Alternativo” ed il suo preambolo è cancellato. La regola A4.1 è cambiata in:
Ogni tavola partita ed arrivata e che dopo non si sia ritirata, non sia stata penalizzata o abbia ricevuto riparazione deve essere classificata con il seguente punteggio:

Posizione all’arrivo

Punteggio minimo

Sistema alternativo

Primo

1

0.7

Secondo

2

2

Terzo

3

3

Ogni posto successivo

Aggiungi 1 punto

Aggiungi 1 punto

(b) Aggiungere alla fine del primo paragrafo della regola A4.2:” oppure, in una serie eliminatoria, il numero delle tavole in quella batteria”.

B8.4 Batteria incompleta
Quando una batteria non può essere completata, i punti per le posizioni non assegnate devono essere sommati fra loro e divisi per il numero dei posti di quella batteria. Il numero di punti risultante, con approssimazione al decimo di punto (0.05 deve essere arrotondato a 0.1), deve essere assegnato ad ogni tavola iscritta alla batteria.

B8.5 Punteggio di una finale in una regata Slalom
(a) Se sono state completate tre regate di finale, il punteggio della serie di una tavola nella finale deve essere il totale dei suoi punteggi di prova escluso il piazzamento peggiore. Differentemente il suo punteggio della serie deve essere il totale dei punti dei suoi punteggi di prova.

(b) Una tavola che non sia partita, non sia arrivata, si sia ritirata dopo l’arrivo o sia stata squalificata da una regata di finale deve essere classificata con punti eguali al numero totale di tavole entrate in finale

B8.6 Punteggio di una competizione artistica (expression)

(a) Una competizione artistica deve essere classificata da un pannello di tre giudici. In ogni caso, il pannello può avere un numero maggiore di membri purché dispari, e ci possono essere due di questi pannelli. Ogni giudice deve assegnare punti per ogni manovra in base ad una scala stabilita nelle istruzioni di regata.

(b) Il criterio di punteggio deve essere deciso dal comitato di regata ed esposto all’albo dei comunicati non più tardi di 30 minuti prima del segnale di partenza della prima batteria.

(c) Il piazzamento di batteria di ogni tavola deve essere determinato sommando assieme i punti assegnati da ogni giudice. La tavola con il punteggio più alto vince e le altre devono essere classificate di conseguenza.

(d) Entrambe le batterie di semifinale devono essere state disputate perché una serie eliminatoria sia valida.

(e) Ad eccezione dei membri del comitato di regata responsabile di classificare l’evento, solo i concorrenti della batteria devono essere autorizzati a prendere visione dei cartellini dei giudici con i punteggi della batteria. Ognuno di detti cartellini deve recare il nome per intero del giudice.

(f) Le decisioni dei giudici in termini di punteggio non possono costituire motivo di richiesta di riparazione da parte di una tavola.

B8.7 Competizioni di Velocità (Speed)

Le velocità delle due prove (run) più veloci di una tavola in un turno devono essere utilizzate per avere la sua velocità media per determinare il suo piazzamento. La tavola con la media più alta vince e le altre devono essere classificate di conseguenza.

B8.8 Parità in una serie

(a) COMPETIZIONI DI PERCORSO E DI VELOCITA’ (SPEED)
Nelle competizioni di percorso e speed (velocità) la regola A8 è cambiata come segue:

(1) Aggiungere la nuova regola A8.1:” Qualora vi sia parità nella serie di punteggi tra due o più tavole, essa deve essere risolta in favore della(e) tavola(e) con il miglior punteggio singolo di prova scartato”.

(2) La regola A8.1 diventa la regola A8.2.. Il suo inizio: “ Se vi è una parità nei punteggi di una serie” è cambiato in: “Se una parità rimane” e la sua ultima frase è cambiata in: “Questi punteggi devono essere usati anche se molti di essi sono punteggi scartati”.

(3) La regola A8.2 diventa la regola A8.3 ed il suo inizio; “Se persiste una parità” è cambiato in: “Se una parità ancora persiste”.

(b) COMPETIZIONI ARTISTICHE (EXPRESSION)
La regola A8 è cambiata come segue nelle competizioni artistiche (expression):

(1) In una batteria, se si verifica una parità nel totale dei punti assegnati da uno o più giudici, deve essere risolta in favore della tavola con il più alto punteggio singolo nella categoria più importante. Qualora le categorie avessero uguale importanza, nella competizione sull’onda (wave) la parità deve essere risolta in favore della tavola con il singolo punteggio più alto nella prova di corsa sull’onda (wave), e nella competizione di freestyle in favore della tavola con il punteggio più alto nella impressione globale (dell’esibizione). Se la parità permane, in una competizione di performance sull’onda essa sarà risolta in favore della tavola con il singolo punteggio più alto nella categoria senza tener conto della priorità, e nella competizione di freestyle essa sarà considerata come risultato finale.

(2) Se persiste una parità nel punteggio di una serie, deve essere risolta in favore della tavola classificata meglio più volte rispetto alle altre. Tutti i punteggi devono essere adoperati anche se molti di essi sono punteggi scartati.

(3) Se una parità ancora permane, la batteria deve essere ripetuta. Se ciò non è possibile, la parità deve rimanere come risultato finale.